2222
4 Aprile 2003

Ulivo: nessuna fase da chiudere, ma un cammino da continuare. Guardare alla strada che ci resta da fare ma anche a quella fatta

Autore: Arturo Parisi

A margine dell’Assemblea federale della Margherita, Arturo Parisi, Vice presidente del partito ha affermato:
“di fronte all’emergere di alcune difficoltà nello sviluppo dell’organizzazione della coalizione sento qualcuno cedere alla tentazione di gioire per la fine dell’Ulivo dando l’idea di piangerlo Unix download. Questo per poter accusare altri di responsabilità che sono anche proprie.
Per difenderci da queste tentazioni dobbiamo ricordare non solo  la molta strada che ci separa dalla meta, ma anche la moltissima che abbiamo percorso Great Escape 2. Forze che nel ’94 e ancora nel ’96 si contrapponevano tra loro militando in poli diversi e si contrapponevano allo stesso bipolarismo,
1) hanno scelto definitivamente il campo del centrosinistra a Roma e nei governi locali,
2)condividono la scelta del bipolarismo,
e 3) scegliendo l’Ulivo in modo stabile hanno ceduto tutte in modo implicito e per alcune forze in modo esplicito una parte della loro sovranità 몽키킹 다운로드.
Basta? Certo che non basta! Soprattutto perchè se è vero che la risposta delle forze politiche è cresciuta, ancor più è cresciuta la domanda di Ulivo Yoon Soo-il Terminal. E proprio in questa sfasatura, in questo gap crescente sta la difficoltà del momento. Una difficoltà che si colloca tuttavia in un processo di avanzamento squilibrato, ma pur sempre avanzamento 영화 수상한 고객들 다운로드. Non in un ripiegamento  o arretramento come alcune letture strumentali vorrebbero dare ad intendere. Non c’è quindi nessuna nuova fase da aprire, perchè non c’è nessuna fase da chiudere Download Android Marshmallow. Ma solo un cammino da continuare senza toni ultimativi un cammino da accelerare per la costruzione di una coalizione plurale e paritaria, aperta all’apporto di nuove forze politiche e soprattutto della società nvidia high definition audio 드라이버 다운로드. Un cammino che ha bisogno certo di regole di convivenza, ma soprattutto di essere guidato dalla ricerca di un progetto per il Paese nella quale coinvolgere i cittadini senza distinzione di provenienze” La Chaumont.