2222
21 Aprile 2009

Pd: Parisi, su collocazione europea e referendum non basta posizione prevalente ma voto impegnativo come per segretario

Autore: Arturo Parisi

Quale sia la posizione ufficiale del Partito sul voto
referendario e quale la nostra collocazione europea sono domande che
non hanno avuto una risposta formale e impegnativa health hand-loss pressure. Non credo che su
due temi cruciali e cosí nitidamente politici il Partito possa andare
avanti senza una chiara posizione ufficiale che impegni i suoi aderenti
e le sue strutture e si accontenti invece di disporre solo di posizioni
prevalenti, quasi fosse una questione di coscienza 안드로이드 한국어 다운로드. Cosa direbbe
Franceschini se la sua funzione di Segretario fosse affidato ad un
riconoscimento prevalente? E’ quanto afferma Arturo Parisi, leader
degli ulivisti nel Pd e tra i promotori del referendum elettorale p cad 2006.

“Non riesco a capire come il Partito Democratico
possa andare a due consultazioni politiche come il Referendum e le
Europee senza disporre di una posizione sulla collocazione politica del
Partito in Europa e sull’assetto istituzionale interno approvato a
partire da un dibattito trasparente e attraverso il voto dell’Assemblea
Costituente, l’unico organo democratico del quale il partito dispone Download the containor. O
Franceschnini pensa che la democrazia sia un rito intermittente utile
solo per legittimare la sostituzione di Veltroni decisa da una
Assemblea, frettolosamente convocata, per approvare la proposta della
sua elezione avanzata dalla Presidenza “a nome dell’intero gruppo
dirigente nazionale e di tutti i segretari regionali” 8 of Show Me the Money? Non facendo
parte della Direzione, in attesa della sua nuova elezione chiesta dalla
Commissione dei Garanti e confermata dalla Assemblea Costituente, sento
il dovere di riproporre pubblicamente a Franceschini questioni giá a
lui proposte anche se purtroppo senza alcun riscontro” 뉴스 동영상 다운로드.