2222
5 Dicembre 2008

Parisi: Veltroni faccia come Al Gore: si metta da parte. Non è lui il futuro del Pd

Autore: Luciano Nigro

Veltroni
dice basta con i veleni, se c’è qualcuno che mette in discussione la
mia leadership lo dica e mi farò da parte. A chi si riferisce, secondo
lei?

Sarebbe meglio chiederlo a lui. Invece di denunciare come
anonimi oppositori che conosce benissimo, sarebbe meglio per tutti che
li chiamasse in causa per nome e cognome e li invitasse ad un confronto
aperto su specifiche scelte politiche. Dall’indomani della disfatta di
Roma ha preferito invece sfidare alla conta e minacciare congressi
sapendo che nessuno avrebbe accolto la sua provocazione, ognuno
pensando  che il suo tempo era ancora lontano e non valesse comunque la
pena anticipare la prova 123d design 맥. Si figuri adesso, quando ormai le elezioni
europee bussano alle porte.

In passato lei è stato molto duro con il segretario: sono veleni i suoi?
Perchè
in passato. Semmai è proprio all’opposto. Man mano che gli errori della
segreteria Veltroni, le scelte sbagliate e quelle mancate, manifestano
la profondità del danno la mia opposizione è andata semmai indurendosi. Tanto
più quando la sua azione svolgendosi al di fuori e contro le regole
della democrazia ci priva della capacità di autocorreggerci, quella che
dovrebbe essere la virtù principale di un Partito che ha affidato la sua identità
al nome “democratico” Bulletproof Spring Day Download. Non è dalla parte degli ulivisti che di battono
da “democratici per la democrazia” che deve guardare perciò chi cerca
da dove vengono i veleni.

Chiederà a Veltroni di farsi da parte?
Solo
chi non ha orecchie non ha sentito quello che gli chiedo da
mesi.Assieme alle primarie, quelle vere, quelle appunto che hanno
regalato all’America la novità di Obama, speravo che Veltroni avesse
appreso dalla esperienza di quella grande democrazia la regola che
invita gli sconfitti a farsi da parte: semplicemente senza
recriminazioni. Come ha fatto Al Gore che pure poteva sostenere che le
elezioni in effetti le aveva vinte. Figuriamoci se, dopo averci
raccontato fino all’ultima ora, che il sorpasso era in vista, avesse
perso col 33,1 per cento 오디오 북 무료 다운로드.

Lei ha detto mi sono illuso, bisogna cambiare il leader. Perchè si è illuso?
Guardi,
all’inizio, avevo riconosciuto l’onore che si riconosce agli sconfitti
che si sono battuti per vincere convinti della loro linea. Man mano che
son passati i giorni sono andato prendendo coscienza che il cambiamento
fosse urgente. Chiudendo la fase della sconfitta solo questo avrebbe
potuto consentirci di rivolgere il nuovo sguardo ad un nuovo inizio.
Veltroni ama rivendicare la sua vittoria nelle primarie. Dimentica che
lui le primarie le ha vinte, ma purtroppo ha perso le elezioni
finali Download cartoon emoji. Il suo caso è purtroppo quello di McCain, non quello di Obama.
Lei ce lo vede McCain a rivendicare la rivincita? Il guaio è che lui
ama riferirsi alla America per la parte che torna. Per il resto
preferisce la democrazia dei partiti rivendicando il diritto a durare
di uno che sarebbe stato eletto segretario di un partito tradizionale,
e non invece candidato ad una elezione che ha perso malamente.

Con chi lo cambierebbe?
Con
chi riesce a proporre un futuro al Paese e a costruire un partito che
lavora per quel futuro TalkOn Mobile. Le risposte vengono tuttavia dopo le domande.
Se non apriamo un confronto sul futuro non riusciremo mai a capire chi
intende mettersi al servizio di questo futuro e men che mai quali sono
le sue proposte.

Esiste (e quanto è grave) una questione morale nel Pd?
L’unica
questione morale degna in un partito di questo nome è la questione del
rispetto delle regole. Mantenere la parola data. Dire solo cose che si
pensa di poter mantenere. Realizzare le cose che ci si è impegnati a
fare. Noi invece ci stiamo riempendo di paroloni in italiano, e ancor
più in inglese, che sappiamo di non poter onorare 밤샜지 다운로드. La gente ci
misura quindi per la distanza che i nostri fatti hanno dalle nostre
parole. Non rispetto ai fatti degli altri. Tra un peccatore confesso e
un virtuoso finto gli italiani  preferiscono sempre il peccatore
confesso. Almeno non gli fa la predica.

Esiste una questione morale anche a Firenze? E’ giusto che gli indagati partecipino alle primarie?
Firenze
è meglio lasciarla ai fiorentini e soprattutto a chi conosce le cose.
Quanto agli indagati, dobbiamo abituarci all’idea che fino a che non  si
è condannati si deve essere riconosciuti innocenti, anche perchè si può
essere indagati per cose molto diverse tra loro 문명6 확장팩 다운로드. Diceva Camus che fino
a quando si è vivi ognuno è un caso dubbio. Diffido dei santi viventi.
E così dobbiamo abituarci a considerarci: con umiltà. Soprattutto i
politici debbono abituarsi a dar conto delle loro azioni ai
cittadini e ai giudici. Altrimenti finiamo per dare ragione a
Berlusconi che per sottrarsi ai giudici ci ha imposto con prepotenza il
lodo Alfano in difesa della sua serenità, come se solo lui avesse il
diritto ad essere sereno. Se poi chi deve fare una scelta ritiene che
non è opportuno che un indagato sia eletto perchè i suoi rischi
giudiziari potrebbero avere ricadute negative sulla causa principale,
saranno loro ad assumersi la propria responsabilità Download 8. In questo caso non
solleverei perciò i fiorentini dalla loro. Non è detto che chi
decide nel segreto di qualche organo di partito decida necessariamente
meglio di loro. Ma per affermare questo principio un partito deve avere
coraggio e ancor prima una sua etica repubblicana. Per difendere i
santi viventi ci vuole molto meno coraggio, salvo poi scoprire che
tanto santi non erano e ancor meno erano capaci di amministrare la cosa pubblica.

Lei sostiene il referendum contro il lodo Alfano e contro la legge elettorale. E’ un Pd “dipietrista” quello che ha in mente xampp 다운로드?
Su
Di Pietro e il Pd io so una cosa sola. Che Veltroni lo ha scelto come
unico alleato mentre diceva di presentarsi da solo, e soprattutto
inaugurava una linea di dialogo con quello che lui chiamava “principale
esponenente dello schieramento a noi avverso”, quello che i cittadini
continuavano a chiamare Berlusconi.

Lei pensa che a cambiare sia stato Di Pietro, Berlusconi o invece Veltroni?
In Europa il Pd deve aderire al Pse o ha ragione Rutelli che non vuole morire socialista? O Veltroni che cerca una terza via? Il
Pd è un partito nuovo. Può e deve associarsi in Europa con chi ritiene
compatibile con la sua novità e soprattutto con la sua idea di Europa Witcher3.
Quello che non può è  farlo come continuazione di un passato. Nessuno
può chiedere ad un altro di accodarsi al proprio passato.  Se il Pd dediderà
di associarsi al Pse, mi associerò al Pse, ma a precise condizioni,
sulla base di un confronto aperto, e di una decisione democratica.
Sarebbe una novità assoluta. Ripeto tuttavia che mai entrerò nel Pse al
seguito del Segretario dei DS. Se avessi pensato di stare nello
stesso partito dei molti diessini con i quali ho condiviso i miei unici
anni di impegno politico, non avrei aspettato che nascesse il Pd. Lo
avrei fatto molto prima. Se non l’ho fatto finora non lo farò certo
ora. Un Pd che sia il nuovo nome del Pci-Pds-Ds non mi interessa.