2222
22 Maggio 2006

Parisi: “Subito il confronto sulle basi militari sarde”

Autore: Carmelo Lopapa

Roma. Una grande fetta dell’isola sotto il controllo militare.Trentacinquemila ettari di territorio sardo circondati da filo spinato, offlimits, come in nessun’altra regione italiana 성경 구절 다운로드. Troppi in uno dei pezzi del paese a più alta vocazione turistica, come va ripetendo da due anni nella sua battaglia solitaria il governatore Renato Soru handsome font.


In quelle aree della Sardegna, un recente studio sanitario della Regione ha registrato un incremento senza precedenti di patologie tumorali 토이 7집 다운로드.


Così, a pochi giorni dal suo insediamento al Ministero della Difesa, Arturo Parisi (eletto da capolista dell’Ulivo proprio in Sardegna) ha annunciato di voler affrontare subito il caso 다음 로드 뷰 다운로드.


Che riguarda le Forze Armate ma che inevitabilmente porterà a riaccendere i riflettori sulla base Nato della Maddalena, con i suoi sommergibili nucleari, le navi appoggio, i tremila militari americani della US Navy e la base di supporto di Santo Stefano Samsung Webcam Driver.


Proprio quelle strutture statunitensi delle quali, il 23 novembre scorso, il capo del Pentagono Donald Rumsfeld aveva annunciato lo smantellamento e il trasferimento in altre aree “strategiche” del Mediterraneo 윈도우10 자바 다운로드. Ma in tempi non meglio precisati. Solo un indiscrezione (non confermata) ha fissato la scadenza di un anno, dunque entro la fine del 2006.


Intanto, Parisi affronta il nodo che dipende dal suo dicastero, ovvero quello legato alle servitù militari italiane, ritenuto di prioritaria importanza Download the Atrox game. Ha avviato subito i contatti con il presidente della Regione Soru, col quale si incontrerà “a breve per affrontare congiuntamente le questioni di comune interesse», e ha spiegato: “Nel corso della campagna elettorale mi sono impegnato a fare in modo che la Sardegna riceva la giusta attenzione e non l’ho dimenticato prison game. Sapendo che le parole spese saranno chiamate alla prova dei fatti, abbiamo avuto cura di  evitare i toni della propaganda “confido che il governo nazionale saprà aprire col governo regionale una nuova stagione politica” Download BearCam Pro.


La Sardegna ospita sul proprio territorio le aree di addestramento di Capo Teulada, al sud dell’isola, dove si svolgono dal 65 le più importanti esercitazioni Nato pokemon coloring book. lI poligono sperimentale di Perdasdefogu- Salto di Quirra nella Sardegna  centro orientale,  gestito da Esercito e Marina.


Poi, Capo Frasca, sotto il controllo dell’Aeronautica, una zona del tutto interdetta al volo e alla navigazione perché destinata a combattimenti dei velivoli schierati nella base aerea di Decimomannu.  Se la concentrazione di strutture militari soprattutto poligoni è tanto elevata è perché il territorio  a bassa  densità abitativa consente lo svolgimento di attività in  condizioni di sicurezza. Oltre ai poligoni, installazioni usate dai reparti speciali per addestramenti e la base della Polizia ad Ahbbasanta  (Oristano), che ospita la scuola per le teste di cuoio.


Ma non è stato solo il vincolo militare sul territorio ad accendere negli ultimi anni la protesta dei cittadini e di gruppi organizzati in Sardegna.. Le preoccupazioni di carattere sanitario hanno trovato una prima conferma nel “Rapporto’” pubblicato il 21 aprile scorso dall’assessorato regionalc della Sanità “sullo Stato di salute delle popolazioni residenti in aree interessate da poli industriali, minerari e militari”.  Lo studio parla di “ eccessi significativi di morti e ricoveri per linfoma alla Maddalena”, una patologia che “risulta in eccesso del 178  per cento rispetto alla media regionale”.


Mentre nell’area di Salto di Quirra “nel 1997-200l le morti per meloma sono aumentate per entrambi i sessi e superano la media i ricoveri per tumori linfatici”, anche se il ministero della Difesa ha sempre negato l’uso di armi all’uranio impoverito. A Teulada i ricoveri per linfoma e cancro  polmonare  risultano al di sopra della media,  ma qui le stesse autorità militari  hanno ammesso che nel poligono sono state impiegate armi che rilasciano amianto e gas dannosi per la salute. In ogni caso, per il nuovo ministro ce n’è abbastanza per affrontare il problema .