2222
13 Gennaio 2012

PARISI: SENTENZA ANNUNCIATA PARTITI BLOCCATI

Autore: Carlo Fusi
Fonte: Il Messaggero
ROMA – E adesso? Davvero si bloccherà tutto, non si
farà più alcuna riforma elettorale e si andrà a rivotare con il
Porcellum 전망 좋은 집 다운로드? «Arrivare con troppa fretta a questa conclusione, sarebbe
terribile», esclama il coordinatore politico del comitato. Arturo
Parisi, referendario tutt’altro che pentito 맥킨토시 다운로드. «Significherebbe che il
Paese si troverebbe di nuovo con un Parlamento totalmente delegittimato.
Un Parlamento eletto sulla base di una legge elettorale indifendibile è
un Parlamento indifeso» final weapon bow.

Ma appunto: ora che il pungolo referendario è scomparso che succederà?
«Adesso
non c’è più, la possibilità che i cittadini possano fare quello che i
partiti rifiutano di fare.Il rischio é che tutto venga ancora una
rinviato, e l’orologio delle prossime elezioni cominci a battere il
conto alla rovescia mentre noi siamo ancora una volta fermi, prigionieri
delle contraddizioni dei capipartito.» 참새톡 다운로드.

E cosa bisogna fare per cambiare questo rischio?
«Già,
cosa bisogna fare? Bella domanda. Noi referendari la nostra parte
l’abbiamo fatta, adesso tocca ai partiti e ai capipartito iPad DailyMotion. Non vorrei
essere nei loro panni. É arrivato il momento nel quale debbono dar
seguito nei fatti alle troppe parole fin qui pronunciate. Basta guardare
i giornali degli ultimi giorni zeppi di impegni, promesse,
rassicurazioni che l’attuale legge sarebbe stata comunque cambiata Owl. Con
l’aggiunta che una volta liberati dal referendum si sarebbe potuto
procedere alla riforma inquadrandola e anzi facendola precedere da
riforme istituzionali ben più importanti sbs all vod 다운로드. Nientemeno che il superamento
del bicameralismo perfetto; la modifica dei regolamenti di Camera e
Senato e, udite, udite, la riduzione del numero dei parlamentari TwitchTV. Come
escludere che una legge elettorale annunciata come il logico approdo di
un disegno di tale portata possa non dico non arrivare mai, ma neppure
riesca a partire» Custommade download.

Insomma lei è decisamente pessimista.
«Assolutamente
sì. Bene o male il referendum avrebbe costretto all’azione, o comunque
nel permanere dell’inazione delle forze politiche, avrebbe lasciato ai
cittadini la possibilità di decidere al posto di un Parlamento
bloccato» gameloft.

Professore, lei afferma di non essere affatto sorpreso dalla decisione della Corte. Quanta malizia c’è in questo commento?
«Ho voluto lasciare a verbale solo una constatazione. Le vicende di ieri
erano state infatti annunciate nel dettaglio nei giorni scorsi non come
congettura e utilizzando il condizionale ma utilizzando l’indicativo
presente».

Sta accusando che i giudici si sono fatti condizionare dal pressing politico contrario al referendum?
«Voglio
sperare di no. Resta tuttavia sui giornali l’annuncio del verdetto
negativo. In modo così diffuso, ripetuto e convergente che il minimo che
si può dire è che si erano proposti di prepararci, almeno dal punto di
vista psicologico».

Di Pietro sostiene che la Consulta ha detto non per fare un favore a Napolitano. Condivide?
«Non
mi permetterei. Non ho alcun elemento che mi autorizzi a dirlo.
Tuttavia una volta che uno legge ripetutamente sui giornali di sentenze
annunciate, guidate dalla preoccupazione di non disturbare i buoni
rapporti tra i partiti che miracolosamente si sono uniti a sostegno del
governo Monti, è comprensibile che qualcuno possa fare proprie le
discutibili, discutibilissime congetture che sono state ripetutamente
avanzate sui quotidiani».