2222
5 Ottobre 2011

Parisi, questa è la stagione peggiore per il Paese

Autore: Silvia Zingaropoli
Fonte: Sardegna Quotidiano

Neanche il tempo di assaporare il trionfo per l’anti-porcellum e
per quel milione e 200mila firme raccolte, e già Arturo Parisi è
passato alla “fase due”. E così, forte del successo incassato, continua a
portar scompiglio nel Pd, reo di  aver preso le distanze dalla causa
referendaria, salvo poi prendersi i meriti della vittoria: ma «io non ho
chiesto le dimissioni di Bersani», puntualizza Parisi 황제의딸 다운로드. Semmai «è
Bersani che dovrebbe presentarsi dimissionario». Ecco, appunto.  Dal
nazionale al locale, Parisi dà fiducia a Zedda («Basta guardarlo in
faccia»), mentre per  Cappellacci  «non sarà facile trovare una strada
futura per uno che muove  da un passato come il suo».  Poi  l’ex
ministro    mette in guardia i colleghi sulla riduzione dei consiglieri
regionali: «Bisogna dire e fare solo promesse che pensiamo che sia
possibile mantenere». A buon intenditor, poche parole. 

Parisi, innanzitutto complimenti per la valanga di
firme raccolte…

I complimenti vanno fatti ai
cittadini che, nonostante le nostre poche forze, sono riusciti a
trovarci per lasciare a verbale la loro rabbia e la loro speranza Hachi story. Al
1.210.644 dei quali siamo riusciti a depositare in tempo le firme, e
alle decine di migliaia che ci stanno raggiungendo in queste ore. Siamo a
più di 1 milione e mezzo.
E la Sardegna pare abbia brillato…
Se
nel Paese le firme sono state un fiume, da noi sono state un mare.     È
il frutto di una rabbia più grande  e, son sicuro, anche di una
maggiore speranza: un risultato del quale dobbiamo essere orgogliosi
come sardi 항아리 게임 무료 다운로드.
A giochi fatti, ora pure  la politica prende  le
distanze dal Porcellum.
Se si dovesse andare ad elezioni senza
aver cambiato la legge o, peggio, per non cambiare la legge, sappiano
che i cartelli da portare in piazza sono  pronti. Con su scritte le loro
parole.
Dopo la sua   richiesta di  dimissioni, Bersani ha
detto che  «c’è chi vuole azzoppare il Pd» 벼룩시장 앱 다운로드. Pare  si riferisse proprio a
lei…
Non ho chiesto le sue dimissioni. Ho detto che nel tipo di partito
che la dirigenza ha in mente, io dovrei essere deferito ad una
commissione di disciplina per aver contraddetto con la nostra iniziativa
una delibera sbagliata, ma  adottata su invito del segretario col voto
del 96% della direzione.
Ma lei di dimissioni ne ha parlato.
Ho
detto che se nel partito invece di un sistema presidenziale con
elezione diretta come quello attuale, ne vigesse uno che consente di
revocare il leader  in corso d’opera, come quello che Bersani auspica
ritorni nel Paese, sarebbe stato lui a doversi presentare dimissionario
per verificare se l’accusa che ad azzoppare il Partito sia stato lui, è
condivisa dalla maggioranza 공굴리기 다운로드.
Alle sue parole, quali sono state le reazioni dei
colleghi Pd? E soprattutto, i commenti, sono arrivati alla luce del sole
o sottobanco?
Come sempre. Prima negli organi si vota
con maggioranze bulgare. Dopo è nei corridoi che ognuno prende le
distanze dalle cose che ha votato Power of Attorney.
 
Ma dove va questo Piddì?
Le posso dire  dove preferirei andare o almeno da dove partire: da
una alleanza tra i partiti che governano assieme gran parte dei governi
locali.
 In molti vedono in Nichi Vendola
il futuro della nostra politica. E lei?
Prima bisogna
mettere al bando il posto di leader della coalizione Strongest Go. Poi verificheremo
le disponibilità. Con le primarie di coalizione sceglieremo infine   il
migliore.
Moody’s   declassa l’Italia causa instabilità di
governo. Ne ha mai  viste di stagioni politiche peggiori?
No.
Questa è di sicuro la peggiore.
Il Cavaliere dice che  «Tira una brutta aria,
sembra il ‘94» opengl 4.5 다운로드.
Per lui tira sicuramente una brutta
aria. Ma ancor peggiore, molto molto peggiore, è l’aria che tira per chi
perde il lavoro, magari a 50 con una famiglia sulle spalle.
 
Il sindaco Zedda ha festeggiato i suoi primi  120
giorni. Con lui  si apre davvero una nuova stagione Kurid jdbc download?
Chi
ne può dubitare? Basta guardarlo in faccia.
Il “nuovo” che avanza è reale?
Lo
diranno i cagliaritani. Io posso solo  dire che ha diritto al nostro
credito e può contare sul nostro sostegno.

E Cappellacci windows server images? Non pare di  certo  un buon momento per
lui…
In troppi lo hanno votato pensando di votare Berlusconi. Due anni,
e, per di più due anni di governo come questi, non sono sufficienti a
far dimenticare i manifesti elettorali. Non sarà  facile trovare una
strada futura per uno che muove da questo passato.
 
Infine, sulla riduzione dei consiglieri regionali, che
ne pensa?

Per le proposte che, sulla organizzazione e i costi della politica,
i politici vanno moltiplicando in modo scomposto, posso solo invitare a
misurare le parole. Il problema  è la credibilità. Bisogna fare solo
promesse che pensiamo di mantenere, e mantenere le promesse che abbiamo
fatto.