2222
22 Giugno 2008

Parisi, e la crisi del Pd: a questo punto va cambiato il leader

Autore: Maria Teresa Meli
Fonte: Corriere della Sera

Arturo Parisi va avanti nella sua battaglia. Anche dopo il diverbio con Veltroni. Dopo le accuse che gli hanno lanciato, eccezion fatta per Marini che lo ha riconosciuto come un avversario interno autorevole e leale nonchè ruvido. Quindi Parisi non lascia. Anzi raddoppia e chiede le dimissioni del segretario.

Professore, la vicenda dell’altro ieri è chiusa 호랑수월가 mp3 다운로드?
«Quel che è avvenuto è gravissimo, ma era esattamente quello che purtroppo mi attendevo, però, per “tranquillizzarli”, voglio dire che non mi arrenderò: continuerò la mia battaglia per la legalità nel partito. Il Partito Democratico è stato attraverso l’Ulivo l’obiettivo della mia vita. No. Non facciano conto sulla mia resa ».

Pare di capire che non sia solo un problema di legalità, ma anche politico Windows 10 fonts. Che cosa avrebbe voluto sentire da Veltroni?
«Mi auguravo che, invece di assumere nientimeno che a spartiacque la lettera di Berlusconi a Schifani, confermando la subalternità del Governo ombra al calendario e all’agenda del Governo sole, ci annunciasse che la campagna elettorale era finita e con essa l’inevitabile menzogna che è implicita nella propaganda, e che era iniziata finalmente la stagione della verità, il momento di prendere sul serio la risposta degli elettori. E invece niente». 

Dicono che seppure dopo due mesi questa volta Veltroni abbia riconosciuto la sconfitta.
«Quale riconoscimento Jack Ryaned? Al massimo la sua è stata l’inevitabile presa d’atto della sconfitta elettorale. Nulla ci ha detto invece sulla sconfitta politica, niente su Roma, sulla Sicilia, sulle altre amministrative, che dalla Sardegna alla Val d’Aosta sono state anch’esse un disastro: ci ha detto di più sulla sconfitta delle amministrative del 2007. Mi sembrava di essere nella gag di Totò».

Scusi!?
«Si quella in cui un signore schiaffeggia Totò chiamandolo Pasquale, e più lo schiaffeggia e più Totò ride Godtower Game. Tanto che quello gli chiede: “Ma come, più io ti meno più tu ridi?” E Totò gli risponde: “E che sò Pasquale io? Volevo vedere dove andavi a finire”. Veltroni è così: pensa che gli schiaffi che gli han dato gli elettori siano sempre diretti al governo Prodi. E in questo modo siamo arrivati al ridicolo di un Pd che continua a presentarsi come partito a vocazione maggioritaria, mentre in Sicilia prende il 12,5 per cento» 바이러스 토탈 샘플 다운로드.

Ma lei, onorevole Parisi, che avrebbe detto se avesse preso la parola all’Assemblea?
«Avrei detto che il problema non è la sconfitta elettorale. Quella era inevitabile. E’ stata scelta a tavolino nel momento in cui abbiamo deciso di alleggerirci dall’ossessione della quantità delle risposte Download the 2019 Lion King. Ma il fatto è che non l’abbiamo sostituita con la qualità della proposta».

Si riferisce alla separazione dal Prc?
«Si, per la quantità, alla separazione consensuale con Bertinotti. Ma senza la qualità Veltroni non ha vinto e non vincerà domani nè dopodomani. E’ questo che fa delle elezioni sono state un fallimento totale» 나눔고딕 otf 다운로드.

Non le sembra di essere troppo duro, Professore?
«Serio, non duro. Sì. Lo riconosco. Ho difficoltà a riconoscermi nel clima zuccheroso, buonista e sorridente che ha da sempre caratterizzato la leadership veltroniana. Non avevamo bisogno di Tremonti per riconoscere che il tempo presente è dominato dalla paura. Questo Veltroni ieri lo ha riconosciuto. Quello che tarda a capire sono gli elettori che quando ci vedono sorridere non riescono proprio a capire cosa abbiamo da ridere ebs 공감 다운로드. Ci sono state stagioni nella quali “pensare positivo” era di moda, e bastava copiare alla lettera gli slogan e le forme della propaganda americana. Questa è invece una stagione nella quale c’è bisogno di una guida e di un pensiero che sia almeno serio, se non forte, e comunque nostro».

E quale pensiero serio formulerebbe su questo Pd che stenta a crescere Montage download?
«Diciamo che questa è la premessa che mi costringe a riconoscere che purtroppo la formula che finora ho usato non è più sufficiente».

Ossia?
«Mi illudevo di poter distinguere la leadership dal leader e perciò chiedevo a Veltroni di cambiare linea. Sono passati due mesi pieni e di fronte ai ripetuti avvertimenti che ci vengono dagli elettori e dall’interno del partito la linea non è cambiata 리모콘 다운로드. E’ evidente allora che a questo punto bisogna cambiare leader».

Perchè lo chiede, visto che dicono che sta per andarsene dal Pd e che formerà un nuovo movimento?
«Si illudono: devono provare a cacciarmi. Non sarò io ad andarmene. So che è questo il loro sogno. Troverò il modo di tenerli svegli. E’ bene che ricordino che il Partito democratico è stato per me come per molti il mio partito molto prima che per loro».

Quindi, cambiare leader. Non lo chiede nessuno, però.
«La passione per il Pd mi impone come dovere morale di dire in pubblico quello che quasi tutti dicono in privato. Anche a costo di fare la parte del bambino che dice “il re è nudo”. Quella che mi scandalizza di più è la slealtà verso Veltroni: preferiscono tutti tirare di fioretto, ferirlo di punta, mettendo nel conto che l’avversario si dissangui a poco a poco. Ma così si dissangua anche il Pd e la democrazia italiana. E’ per questo che son stato d’accordo con Veltroni che voleva aprire la fase congressuale. Apriamola, dissi, per capire chi siamo e dove andiamo. Purtoppo, però, il rifiuto è stato corale. In molti preferiscono lavorare a sfiancare il partito e il suo leader senza assumersene la responsabilità. Più tempo passa, più credo nella regola secondo la quale chi perde va via, senza tragedie, per evitare che la crisi di una leadership si trasformi nella crisi del partito».