2222
1 Settembre 2012

L.elettorale: Parisi, Nel PD divisi ma elettori capiscono

(ANSA) – ROMA, 1 SET – ‘Le divergenze sulla legge elettorale tra la Presidente della Assemblea Nazionale e il Vicesegretario del Pd dicono gia’ da sole quanta sia la confusione nel Partito, e quale sia lo stato di salute della democrazia al suo interno 항아리 게임 무료 다운로드. Non e’ infatti la prima volta che la Bindi denuncia con passione il fatto che le decisioni sulla legge elettorale non siano ‘mai state decise in alcuna sede collegiale’ 벼룩시장 앱 다운로드. A dirlo e’ Arturo Parisi, ulivista del Pd. ‘ Non e’ una cosa da poco. Si tratta infatti della persona che presiede Direzione e Assemblea Nazionale, cioe’ a dire di quelli che sono appunto i due massimi organi collegiali del partito – prosegue - 공굴리기 다운로드. Questa volta ad essere oggetto della denuncia della Bindi, che dichiara all’Unita’ di non sapere ‘di quale legge parli’ Letta, e’ la destinazione del cosiddetto premio di maggioranza ‘al primo partito e non alla coalizione” Power of Attorney.
‘Che dire allora – aggiunge Parisi – del ritorno ad una legge ad impianto proporzionale del quale tutti leggiamo da mesi sui giornali Strongest Go? Che dire di una legge che restituisce solo in parte agli elettori il diritto di eleggere i propri rappresentanti a loro sottratto? Che dire di una legge pensata per impedire che esca dal voto una maggioranza e un governo forti del voto popolare?’ opengl 4.5 다운로드.
‘Forse – conclude – i vertici del Pd pensano che i loro accordi e i loro disaccordi passino inosservati ai cittadini.
Forse pensano che non leggano i giornali o non capiscano Kurid jdbc download. Forse pensano di far passare la vergognosa legge che si annuncia imputandosi all’interno del partito l’un l’altro le responsabilita’, esattamente come al tavolo ABC pensano di fare Berlusconi con Bersani e Casini windows server images. Non si facciano illusioni. I cittadini vedono e capiscono. E alla fine votano’.