2222
29 Novembre 2015

INTERVISTA A PARISI :”CONSULTAZIONI APERTE E’ IL NOSTRO DNA”
I paletti di Parisi: aperte a tutti “Primarie sempre, così evitiamo polemiche. Merola? Valuti il partito”
Intervista di Francesco Ghidetti, Quotidiano Nazionale ( IL GIORNO, Il Resto del Carlino, LA NAZIONE) p.1 e p.3

Lui se ne intende. Il suo nome è Arturo Parisi, è stato ministro con il centrosinistra, ma soprattutto il principale sostenitore dell’introduzione delle primarie in Italia 큐베이스 무료 다운로드. Ha insegnato sociologia politica nell’ateneo bolognese e per ventanni ha diretto l’Istituto Cattaneo.

Professore, il popolo Pd “ama” ancora le primarie 호구의 사랑 다운로드. L’87% ne vorrebbe la convocazione sempre e comunque…

“Non mi sorprende affatto. Quel popolo è nato infatti con le primarie, anzi, meglio, dalle primarie, fin dalle prime del 2005 Download the diploma form. È avanti ai seggi delle primarie che infatti per la prima volta si è riconosciuto unito e mescolato a prescindere da ogni riferimento a storie passate” internet images.

E il 61% addirittura anche per l’investitura non solo di un sindaco nuovo ma anche di uno uscente…

“Queste sono distinzioni comprese e condivise solo all’interno del ceto politico Download 1 cm of ego. Il dato sta a dire solo quanto forte sia la domanda di partecipazione, cioè a dire di democrazia diretta diffusa tra la gente”.

Però in quest’ultimo caso si potrebbero ipotizzare primarie anche per il primo cittadino di Bologna Virginio Merola…

“Queste sono valutazioni e una decisioni che tocca al Partito assieme a Merola 드라스틱 포켓몬스터 블랙2 다운로드. Io le farei sempre. Non foss’altro che per evitare discussioni già in sè logoranti. Ma, nella misura in cui uno Statuto è un patto, il patto prevede che non siano necessarie” 한컴 오피스 2018 다운로드.

In generale, che cosa va rivisto nel meccanismo? Far votare solo gli iscritti ai partiti della coalizione? Tenerle aperte a tutti?

“Non modificare la regola iniziale, quella del 2004 카스 사진 다운로드. Ne sono sempre più convinto non solo perchè fu varata da un comitato che mi trovai a presiedere. Lasciarle aperte a tutti i cittadini che si dichiarino pubblicamente elettori dei partiti della coalizione e pronti ad accettare e difendere il risultato, quale esso sia” Illustrator 2018.

Non crede che le primarie aperte siano troppo rischiose?

“Rischiose per chi? Certo per chi le pensa come la conferma pubblica di una decisione già concordata in privato 퍼가기 다운로드. Per chi tenta di farle “ma anche” di non farle”.

Non trova curioso che “voci dal sen fuggite” parlino di un progetto per impedire ai sindaci che hanno svolto già due mandati di ricandidarsi?

“Lasciamo perdere. Non ho sentito nessuno che si sia azzardato a difenderle. Non solo perchè è scorretto inventarsi a gioco aperto regole così evidentemente “ad personam”, ma perchè introdurrebbero un principio generale difficile da far valere per ogni carica”.

Il popolo Pd respinge (72%) con nettezza l’idea di primarie che includano anche Ncd. Segno di che cosa? Riaffermazione identitaria?

“La prova che le coalizioni non si possono improvvisare solo per vincere. Ma, se pensate per governare, esigono non solo di riconoscersi in un programma di legislatura comune ma in un progetto politico con qualche radice passata e quindi capace di durare nel tempo”.

Il candidato sindaco ideale, sempre a detta dell’elettore Pd, dovrebbe essere sotto i 50 anni e, per il 44%, donna…

“Vorrei analizzare meglio i dati. Ma non mi sorprende. Nè l’enfasi sulla giovinezza, nè il sottodimensionamento delle donne. Se avesse chiesto a me avrei portato le donne dal 44% al 50%, e alzato l’età anche se solo di un pò. Quello che conta è che un candidato abbia già dato una sicura prova di sè in qualche campo della società, abbia davanti tempo sufficiente per sviluppare il suo progetto per la città, e una attività a cui tornare che gli consenta di non doversi incollare alla poltrona”.