2222
3 Ottobre 2011

COSI ABBIAMO VINTO, DA SOLI.

Autore: Arturo Parisi
Fonte: Il Fatto quotidiano

Si’
ricordo anch’io, come Padellaro, quel pomeriggio
 all’inizio d’agosto,
il lungo colloquio con lui e Travaglio
 per chiedere il sostegno del
Fatto al referendum per
l ‘abrogazione del Porcellum che in quel momento
era stato 
abbandonato da troppi dei suoi iniziali sostenitori 산돌명조 네오 다운로드.
Almeno 
600mila firme da raccogliere in 30 giorni, in luogo dei 3
 mesi
previsti dalla legge, da preparare per di piu’ in una
 settimana invece
dei 3-5 mesi di gestazione dei casi 
precedenti 터보 전집 다운로드. Ricordo anch’io tutte le
incertezze sul suo
 esito. Ricordo il mio, prima ancora del loro
scetticismo.


Ci sono tuttavia momenti della vita e passaggi della
storia
 dove la disperazione rende tutto piu’ semplice Air conditioning free download. Anche
nella
 politica dove i professionisti, prima di fare un passo, vogliono
sapere cosa’ succedera’ dopo e soprattutto 
succedera’ alle loro persone 넷마블 포커 다운로드.
Rivendicando magari la 
superiorita’ dell’etica dei risultati su quella
dei
 principi. Anche nella politica, quando la casa brucia, puo’
capitare
di decidere che e’ meglio rischiare di morire 
buttandosi dalla finestra
invece di bruciare con essa Frozen Illegal Download. Ci
 sono momenti nei quali le cose vengono
fatte semplicemente 
perche’ debbono essere fatte. Era quello appunto
il
 momento 인코더 다운로드.

Allora come ora sentivamo che la casa della
nostra
 democrazia, il sistema di regole e istituzioni che 
chiamiamo
Repubblica era a rischio kj certified. Sentivamo che sul campo 
riarso dalla calura
della disperazione andava alzandosi il
 maestrale. Sarebbe bastato un
cerino. Basterebbe un coccio 
di vetro a fare da lente per i raggi del
sole Download Disanard 2. Il momento 
migliore per gli incendi. Di questo appunto parlammo.
Su
 questo concordammo. Per questo ci incontrammo.

Potevamo 
lasciare i
cittadini sempre piu’ accalorarsi per lo 
spettacolo di immoralita’ e
degrado che viene dal Palazzo,
 mentre infuria la tempesta economica e
finanziaria, privi 
non solo nell’oggi, ma anche nel domani
della possibilita’ 
di trasferire i loro sentimenti e le loro proposte
ad un
 Parlamento “loro” perche’ le traducesse in decisioni?


Potevamo
lasciare che la democrazia si riducesse a tumulto,
 i  cittadini a folla,
le istituzioni a piazza 샌드박스 런 다운로드? Perche’
 questo era appunto quello che era
successo e va purtroppo 
succedendo. Di fronte ad un governo
commissariato
 dall’estero costretto a legiferare sotto dettatura
da 
poteri e meccamismi privi di qualsiasi legittimita’
 democratica, sta
un Parlamento percepito e dileggiato come
 una casta separata perche’
appunto separato dal Popolo,
 attraverso la separazione degli eletti
dagli elettori e la 
loro trasformazione in nominati emgu cv 다운로드.

Potevamo lasciare
il Paese
 privo della istituzione che in ogni democrazia rappresenta 
il
Popolo? Potevamo lasciare i cittadini nell’alternativa
 di cedere al
furore distruttore dell’antipolitica, o 
sperare ancora nella capacita’
del Parlamento di 
autoriformarsi senza la pressione, il pungolo
dell’arma 
estrema che la Costituzione mette nella mani dei
cittadini,
 come appunto era stato appena sostenuto perfino
dal
 principale partito della opposizione che con un voto al 96%
 aveva
deciso “che non si possa sostenere contestualmente la
 modifica della
legge in vigore da parte del Parlamento e la 
presentazione di un
referendum in materia”? Da questo la
 decisione disperata dell’inizio di
agosto.

Son passati due 
mesi, eppure sembra un secolo. Se tutto e’
cambiato e’
 proprio grazie al 1.210.644 “basta!” che ieri 30
settembre
 abbiamo depositato in Cassazione, e alle decine di
migliaia
 che la Posta e i Corrieri continuano a recapitare ad
ogni
 consegna da ogni parte del Paese. Ad oggi un milione e
 mezzo
di “basta! con le porcate, con il porcellum, con i
 porcelli”. Un milione
e mezzo di “basta” tuttavia politici,
 democratici, istituzionali,
moderati di cittadini che in
fila hanno riempito i moduli e sottoscritto
educatamente la 
loro rabbia e la loro speranza nel rispetto delle
forme
 della legge. Altro che antipolitica! Se questo non fosse
 avvenuto
entro il 30 settembre del 2011 tutto sarebbe
 continuato come prima
almeno fino alla prossima 
legislatura.

Se questo non fosse avvenuto
nella misura che
 Morrone ha definito giustamente un miracolo chi
avrebbe 
potuto mai immaginare dichiarazioni come quella di Alfano,
 il
segretario del primo partito della maggioranza, che, con
 sei anni di
ritardo si e’ affrettato a riconoscere che i
 cittadini erano stati
derubati del loro principale diritto?
 Chi avrebbe mai immaginato che
Maroni, Ministro 
dell’interno del secondo partito di maggioranza si
sarebbe
 affrettato ad annunciare con sei mesi di anticipo lo
 svolgimento
del referendum e la necessita’ che comunque il
 Parlamento gia’ oggi
lavori nel solco dei quesiti? Che 
lezione! ha titolato giustamente
Padellaro pensando a
 quella di ieri. Ben altra sarebbe tuttavia la
lezione
 riservata domani a chi non riuscisse ad apprenderla oggi.