2222
14 Febbraio 2006

Palestina, Rutelli da Abu Mazen “Hamas deve riconoscere Israele”

Autore: Giovanna Casadio
Fonte: la Repubblica

GERUSALEMME – «Bene Abu Mazen, Hamas riconosca Israele». È in Israele e Palestina il leader della Margherita, Francesco Rutelli con una doppia missione: ieri ha incontrato Abu Mazen, prima delegazione italiana a recarsi in Palestina dopo la vittoria-choc di Hamas il 25 gennaio scorso UCloud Manager.

Oggi vedrà i leader del Kadima, cioè il primo ministro israeliano Olmert e Shimon Peres. E proprio il neo-partito voluto da Sharon e in poche settimane «diventato la prima forza politica israeliana» a rappresentare un´occasione per parlare agli alleati del centrosinistra in Italia: «Bisogna avere il coraggio delle contaminazioni politiche», avverte ElgeyMobile. Un´ora di colloquio con il presidente dell´Anp a Ramallah: con Rutelli c´è il presidente dell´Udf Francois Bayrou e la delegazione del Partito democratico europeo Skyrim boss.

Rutelli di un Abu Mazen «fermo e risoluto» nella linea del dialogo con Israele, che ha ribadito come Hamas non abbia altra strada che sottoscrivere gli accordi di Oslo e accettare la road map e come sia stato altrettanto netto contro le interferenze di Iran e Siria nelle vicende interne palestinesi 리멤버 다운로드.

Il presidente dell´Anp ha indicato la tabella di marcia, cioè l´insediamento del Parlamento il 27 e 28 febbraio; quindi il mandato al nuovo governo nelle tre settimane successive, salvo proroghe, e gli scenari possibili, compreso un governo tecnico o di larga coalizione windows 10 education 다운로드. Sempre tuttavia sottolineando i buoni rapporti con Olmert e la strategia dei «due popoli, due Stati».

Rutelli su questo si sofferma sin dal mattino, durante la visita al museo dell´Olocausto Yad Vashem: «Occorre trovare lo spazio di un nuovo cammino per la pace, per due popoli e due Stati 천로역정 다운로드. Il centrosinistra lavorerà con determinazione per questo e l´Europa che è stata poco attiva deve essere protagonista per costruire soluzioni che diano stabilità, pace e sicurezza» on the superficial i love.

È del resto uno dei passaggi fondamentali del programma di politica estera sottoscritto sabato con Prodi e che dedica ampio spazio al Medio Oriente Clear Gothic bold download.

Per Rutelli l´occasione di condurre un primo saggio pratico della controffensiva diplomatica del centrosinistra anche in questa campagna elettorale 컴퓨터 바탕 화면 다운로드.

Studia da ministro degli Esteri? Percorso avviato da un pezzo: rispondono laconici nel suo staff.

Alla fine della visita a Yad Vashem (dove c´è la targa al nonno materno Mario Gentili, giusto delle nazioni), lancia un affondo contro il presidente iraniano: «Ahmadinejad venga a visitare il museo dell´Olocausto, lo aiuterebbe a fargli recuperare la ragionevolezza che ogni capo di Stato dovrebbe avere» 플립보드 다운로드.

Oggi è il giorno di Kadima, il partito di Sharon. «Kadima è il punto di incontro di posizione coraggiose, in cui si sono uniti moderati e laburisti – ribadisce – una sfida nata dal coraggio di un leader, e che prosegue nonostante la sua dolorosa uscita di scena, perché il partito ha una missione forte e chiara e la diversità delle storie che vi si ritrovano è un elemento di forza e non di confusione».