2222
17 Dicembre 2007

E’ difficile essere laici nel paese delle chiese

Autore: Eugenio Scalfari
Fonte: La Repubblica

Un articolo di Salman Rushdie (su Repubblica di venerdì 14) riapre il
tema della laicità. Lo riapre da par suo, radicalizzando il suo
pensiero fino a “scomunicare” il ruolo prescrittivo e fondamentalista
delle religioni, fomentatrici di intolleranze reciproche e perfino di
violenze e di guerre quando disputano di verità assolute e
contrapposte. «I preti debbono essere inascoltati» scrive Rushdie. «Le
loro predicazioni sono favole per bambini che si rifiutano di crescere
e ingombrano i cieli di improbabili divinità che offuscano la ragione e
lacerano le coscienze anziché pacificarle con la vita».

Nel
lessico di Rushdie i preti sono tutti coloro che amministrano le verità
rivelate, i dottori della legge rabbinica, i “mullah”, gli “ayatollah”,
gli “ulema” sciiti e sunniti che predicano il Corano, i sacerdoti della
Chiesa di Roma e delle altre chiese cristiane, divisi e in guerra tra
loro ma uniti nel manipolare le coscienze dei credenti, irretite dalla
promessa della salvezza e dell´eterna beatitudine.

Per lui la
Bibbia, il Vangelo, il Corano, sono testi meravigliosi, poetici,
suggestivi, la cui lettura non può che rafforzare l´intelligenza e il
sentimento morale degli uomini e delle donne del mondo intero, ma il
loro significato viene stravolto dalla casta che si è autoproclamata
depositaria esclusiva di quei testi, intermediaria unica tra il cielo e
la terra. E così conclude rivolgendosi ai credenti la sua serrata
requisitoria: «Solo tu puoi decidere se vorrai che siano i preti a
elargirti la legge e accettare che il bene e il male siano esterni a
noi stessi os x lion. A mio parere la religione, anche nella sua versione più
sofisticata, infantilizza il nostro io etico fissando infallibili
Arbitri morali e irriducibili Tentatori immorali al di sopra di noi.
Essi pretendono di essere i poliziotti delle nostre libertà e dei
nostri comportamenti».

Questo è, nella sostanza, il testo di
Rushdie; l´ho definito una scomunica lanciata contro i preti di tutte
le religioni, la protesta di un non credente animosamente schierato
contro gli dei fallaci che guidano gli eserciti, contro i profeti che
gli aprono la strada, contro l´infantile credulità degli adulti che
collocano dietro le nuvole i loro eterni Genitori e li invocano per
allontanare da loro il dolore e la precarietà della vita.

Francamente
non mi era mai capitato di leggere un testo così radicale e senza
appello da parte di uno dei maggiori scrittori della modernità. Si può
definire un manifesto della laicità? Da laico e da non credente ho
qualche dubbio in proposito. Sento che il suono, il sentimento, la
visione della laicità – almeno come io la intendo – non sono questo.
Non sono rispecchiati da queste parole, da un´arringa così impietosa e
a sua volta così intollerante. Voglio perciò spiegare le ragioni del mio dissenso, anche se concordo con gran parte delle affermazioni di Salman Rushdie orcad 9.2.

* * *

Prima
di spiegarmi debbo tuttavia dar conto di un altro testo, del quale
nello stesso numero di Repubblica viene pubblicato un sommario
resoconto. Si tratta di un documento redatto dal professor Ceruti,
docente di epistemologia all´Università di Bergamo, relatore del
“Manifesto dei valori” del quale si occupa un´apposita commissione del
Partito democratico presieduta da Alfredo Reichlin.

Di quella
commissione fanno parte credenti e non credenti, impegnati nel definire
il profilo del nuovo partito sulle materie «eticamente sensibili».
Quale sia insomma l´impegno del partito su temi molto concreti e
attuali, come la ricerca scientifica, l´eutanasia, il testamento
biologico, la fecondazione assistita, l´aborto, l´embrione, le coppie
di fatto, l´omofobia. Insomma i problemi della vita e della morte e
scusate se è poco.

Non conosco il professor Mauro Ceruti. Apprendo
soltanto che insegna a Bergamo e che è cattolico 상실의 시대 영화 다운로드. E´ giusto che il
relatore di una materia così complessa e delicata dichiari la propria
credenza. E´ giusto che gli altri componenti di quella commissione lo
sappiano. E´ doveroso, da parte del relatore, tenere nel debito conto
le diverse esperienze e identità culturali dei suoi colleghi,
putativamente rappresentativi degli aderenti a quel partito.

Leggo
dal resoconto giornalistico che Ceruti è fautore del dialogo. Bravo. Mi
sembra il minimo. Osservo tuttavia che la parola dialogo è ormai
terribilmente inflazionata. Se per dialogo si intende che ciascuno dei
dialoganti esprima la propria posizione sui temi in questione e poi
resti aggrappato ad essa, questo non è propriamente un dialogo bensì un
monologo.

So che in quella commissione siede anche la senatrice
Binetti, cattolica di strettissima osservanza, balzata all´onor delle
cronache per aver votato contro l´emendamento sull´omofobia rischiando
con quel voto di provocare una crisi di governo fps 다운로드.

Non ho nulla da
obiettare in proposito: il voto di coscienza passa avanti ad ogni altra
considerazione. Ma il voto di coscienza passa avanti anche al dialogo?
Come si comporterebbe il relatore Ceruti se la Binetti ribadisse che su
quel tema e su altri analoghi lei non è disposta a mutare parere quali
che siano le obiezioni che gli possono essere opposte? E se, da un
opposto versante, un laico non credente affermasse anche lui il suo
integrismo? Dove andrebbe a finire il dialogo caro al professor Ceruti
come a tutti noi?

Discutendo domenica scorsa su queste pagine il
caso Binetti, scrissi che la senatrice era certamente portatrice di
valori apprezzabili, che quei valori avevano la potenzialità di
«contaminare» valori opposti, a condizione di esser disponibili a farsi
a loro volta «contaminare».

Così mi auguro che avvenga, ma ho
drizzato le orecchie leggendo che la bozza Ceruti invita gli scienziati
a praticare la «buona scienza» (definizione che trovo anche
nell´enciclica “Spe Salvi”) ecotect. «La libertà di ricerca – scrive Ceruti –
si deve conciliare con il principio per cui non tutto ciò che è
tecnicamente possibile è moralmente lecito».
Chi stabilisce e in
base a quale principio che cosa sia moralmente lecito? Debbo ricordare
al relatore del Pd che la Santa Inquisizione e i Tribunali del
Sant´Uffizio stabilirono che il sole girava attorno alla terra (e
misero in gabbia Galileo che sosteneva il contrario)?
E´ evidente
che sulla strada indicata dal professor Ceruti la commissione dei
valori del Pd non riuscirà a muovere un solo passo avanti, come non lo
muoverebbe se un altro relatore presentasse come carta valoriale la
requisitoria di Rushdie contro la casta dei preti. Dunque, che fare?
Dove trovare la «contaminazione» cioè la sintesi che non è una
giustapposizione né un volatile sincretismo ma, appunto, sintesi a
livello più alto sia della tesi sia dell´antitesi? (Mi permetto di
ricordare alla senatrice Binetti di averle chiesto di dare una risposta
di verità sull´ipotetica telefonata che avrebbe avuto con il segretario
della Conferenza episcopale in prossimità del voto sull´omofobia 퀵타임 프로 다운로드. Non è
un tema privato, appartiene allo spazio pubblico riconosciuto e
ampiamente utilizzato dalla Chiesa. La Binetti è quindi tenuta a
rispondere, ma non ho notizia che l´abbia fatto).

* * *

Un
manifesto della laicità che configuri un partito che vuole
identificarsi con la democrazia non può avere altro punto di
riferimento se non la democrazia stessa nella sua essenza
costituzionale. Non può quindi essere né clericale né anticlericale, né
prescrivere una laicità buona o una laicità cattiva; deve fare a meno
di ogni aggettivazione qualitativa che dettasse regole esteriori alla
democrazia e ai cittadini democratici.

La laicità senza aggettivi
riposa esclusivamente sul principio di non imporre ai cittadini altro
vincolo all´infuori di quello che vieta a ciascuno di limitare la
libertà altrui e di violare il principio di eguaglianza di tutti di
fronte alla legge. Questo e non altro è il fondamento della democrazia
di cui la laicità non è che il sinonimo.

Ogni opinione può essere
manifestata liberamente e in contrasto con altre opinioni Three Kingdoms 10pk Uninstalled Download. Ma se
l´opinione di alcuni – fosse pure opinione maggioritaria – si
trasformasse in norma discriminante, allora l´eguaglianza sarebbe
violata e con essa la democrazia.

L´esempio più chiaro è quello
della legge sul divorzio. Si tratta in quel caso di una norma
facoltativa; consente a chi vuole utilizzarla di valersi di una
procedura a tutela di un diritto, che non impone alcun dovere a chi non
voglia valersene. Viceversa impedire il divorzio ad una coppia che
voglia recidere il contratto matrimoniale impone un limite ad un
diritto l´esercizio del quale non lede alcun altro cittadino.

Fondandosi
sul principio di eguaglianza di fronte alla legge le Costituzioni
democratiche vietano ogni discriminazione basata su etnia, religione,
sesso. La legge è eguale per tutti. Tutti i diritti che non ledono
diritti altrui meritano rispetto e cittadinanza.

Su questi
fondamenti democratici si basa la libertà religiosa, la libertà
sessuale, la libertà di ogni etnia Short-term downloads. Le coppie di fatto siano etero
siano omosessuali, hanno diritto di esistere poiché non ledono alcun
altro diritto. Le leggi che le tutelano sono, come il divorzio,
facoltative. Impedirne l´esistenza costituisce una discriminazione e
vìola in tal modo un precetto costituzionale.

Si può invocare
l´obiezione di coscienza contro un principio costituzionale?
Rivendicando contemporaneamente la propria appartenenza ad un partito
democratico? Direi proprio di no. L´obiezione di coscienza avrebbe in
tal caso un´impronta tipicamente clericale, incompatibile con i
principi della democrazia «per la contraddizion che nol consente».

Post scriptum. Ho letto venerdì scorso sul Corriere della Sera un
articolo di fondo di Pierluigi Battista intitolato “I professionisti
del rifiuto”. La tesi è questa: ci vuole una nuova legge elettorale che
modifichi radicalmente il “porcellum” esistente (voluto e votato da
tutti i partiti del centrodestra allo scadere della precedente
legislatura) 가족송 고마워요 다운로드.

Per
varare una nuova legge elettorale è opportuna una larga maggioranza che
comprenda anche Forza Italia. Veltroni ha intrapreso questa strada
«virtuosa». Ma i professionisti del rifiuto (come da titolo) stanno
seminando sul terreno dei negoziati una serie di «bombe di carta»
mirate a ravvivare la demonizzazione di Berlusconi e impedire così che
il negoziato prosegua fino al risultato finale. Chi agisce in questo
modo congiura contro gli interessi del Paese.

Fin qui Battista, il
quale non nomina Repubblica ma è a noi che si riferisce e alla «bomba
di carta» della nostra denuncia (suffragata da un´inchiesta istruttoria
della Procura di Napoli) di una tentata compravendita di voti di alcuni
senatori da parte di Berlusconi e una serie di contatti che contengono
ipotesi di corruzione tra il leader di Forza Italia e Agostino Saccà,
uno dei massimi dirigenti della Rai.

Non entro nel merito delle
opinioni di Battista; lui la pensa a quel modo, lo scrive e se ne
assume la responsabilità. Osservo che il suo articolo altro non è che
un processo alle nostre intenzioni. La nostra denuncia sarebbe cioè
motivata dal desiderio di impedire il negoziato in corso tra Berlusconi
e Veltroni. Il processo alle intenzioni è un metodo arbitrario, basato
non su fatti ma su supposizioni movie Hugo. Un giornalista che si rispetti e che
abbia rispetto di sé dovrebbe evitarlo.

Per quanto ci riguarda noi
siamo favorevoli ad una riforma elettorale che cancelli la legge
vigente ed eviti il referendum. Siamo favorevoli al tentativo di
Veltroni di coagulare un´ampia maggioranza attorno alla nuova legge.
Siamo favorevoli ad un negoziato rapido che scongiuri il referendum. Se
nel frattempo ci imbattiamo in atti di corruzione attribuiti al leader
dell´opposizione, riteniamo nostro dovere darne notizia al pubblico. Se
questi atti avessero riguardato il presidente del Consiglio o un uomo
politico del centrosinistra ci saremmo comportati allo stesso modo.

A
Battista vorrei chiedere: se la notizia di cui si discute fosse
arrivata sul suo tavolo e sui tavoli del suo giornale, che cosa avrebbe
fatto Pierluigi Battista? L´avrebbe cestinata perché inopportuna?
L´avrebbe chiusa in cassaforte a futura memoria? E´ questo il canone
deontologico in vigore al Corriere della sera?

Il suo articolo ce lo
fa temere. Sarebbe grave se il giornalismo del Corriere si piegasse a
questo genere di compromessi. Nei confronti del centrosinistra non ha
mai taciuto nequizie, vere o supposte. Allora l´eccezione vale solo per
Berlusconi? Questo non sarebbe solo grave ma sarebbe gravissimo. Per
voi e per tutto il giornalismo italiano.