2222
15 Febbraio 2006

Da Arcore a Salò

Autore: Antonio Padellaro
Fonte: l'Unità
No a candidati impresentabili, ha detto Lorenzo Cesa, segretario Udc e gli
va dato atto di aver pronunciato, finalmente, parole chiare di ripulsa nei
confronti dell’incredibile numero di fascisti arruolati da Silvio Berlusconi,
intento a raschiare il barile dell’elettorato nero e della decenza Note5 Whoed the firmware.

Da Rauti ai
teorici di Forza Nuova e delle razze superiori, il presidente del Consiglio non
si ferma davanti a nulla sfidando la vergogna del mondo intero, speriamo per
l’ultima volta 네버윈터 나이츠 다운로드.

Sarebbe come se Chirac si fosse alleato con Le Pen o la Merkel
con i neonazisti tedeschi, un patto ignominioso che avrebbe sicuramente dato
luogo, in tutte le nazioni civili, a una rivolta morale prima che politica 예수님 사진 다운로드.

In
Italia, invece, niente: l’intesa tra Arcore e Salò non ha suscitato reazioni
percepibili, perfino quando è venuta a galla la disgustosa vicenda Saya safari videos.

Come i
lettori dell’Unità sanno (e molti altri lettori di molti altri giornali non
hanno invece avuto la fortuna di sapere) stiamo parlando di quel soggetto,
leader di un partitino dedito all’esaltazione di fascismo e nazismo, tempo fa
costretto agli arresti domiciliari per oscure attività parapoliziesche my free mp3 다운로드.

Costui,
passa il tempo (oltre che a insultare e minacciare ripetutamente Furio Colombo e
i giornalisti dell’Unità) a vantare la propria devozione nei confronti di Silvio
Berlusconi, di cui si proclama fedele alleato politico, senza essere stato mai
smentito Download Battle Angel.

Non una voce di protesta si è levata dai galantuomini di Forza Italia,
evidentemente abituati a ingoiare di tutto.

Non un sospiro dal presidente di
Alleanza Nazionale, forse frenato da vecchi istinti camerateschi 아이작 확장팩 다운로드.

Quanto ai
Casini e ai Follini erano così concentrati sulla difesa dei valori da non
accorgersi del lugubre velo nero con cui il loro candidato premier li stava
incartando 진심이 닿다 16화 다운로드.

Adesso Cesa ammette che i fascisti sono impresentabili. Vedremo se
li presenteranno.