2222
13 Luglio 2006

Italia-Kosovo/ Parisi: orgogliosi di quanto fatto nei Balcani

Fonte: Apcom

Dakovica (Kosovo) – Il ministro della Difesa Arturo Parisi è giunto con un volo dell’Aeronautica militare a Dakovica, proveniente da Sarajevo, nella seconda giornata conclusiva di visita nei Balcani ai contingenti italiani impegnati nelle missioni Eufor e K-for Forced javascript files. All’aeroporto di Dakovica il ministro Parisi è stato ricevuto tra gli altri dall’ambasciatore d’Italia a Belgrado, Alessandro Merola, e dal generale di corpo d’Armata, Giuseppe Valotto, comandante K-for piano tile game.

“Dobbiamo essere orgogliosi di quanto fatto in Kosovo e nei Balcani più in generale”, ha detto Parisi al contingente schierato nel piazzale capitano Barattin 카카오톡 피시버전 다운로드. “Senza l’impiego di tutte le forze armate, l’esercito che per primo entrò in questa terra nel ’99, e l’aeronautica, la violenza non sarebbe stata arrestata, la pacificazione balcanica non sarebbe stata avviata fiddler 다운로드.

La terribile crisi balcanica è stata circoscritta grazie all’intervento, coordinato delle Nazioni Unite della Nato e
dell’Europa” cutepdf.

Nel corso della giornata il ministro Parisi si recherà anche a Pristina, per una visita a un altro contingente italiano.
Nell’agenda del titolare del dicastero della difesa sono previsti incontri con i rappresentanti della minoranza serba in Kosovo, Oliver Ivanovic, Randel Nojki e con Goran Bogdanovich, e con il primo ministro del governo kosovaro Agim Cecu Cherry's download. Prima del ritorno in Italia il ministro Parisi incontrerà anche il rappresentante speciale del segretario generale dell’Onu, Steven Schook.