2222
13 Febbraio 2006

Romano Prodi: “Lotta feroce all’evasione fiscale”

Autore: Goffredo De Marchis
Fonte: la Repubblica

“Come è successo per le primarie, ci siamo sbagliati, siamo in
tanti”. Ha esordito con una battuta Romano Prodi alla convention programmatica
dell’Unione al teatro Eliseo di Roma. Sala stracolma, con tanta gente che ha
dovuto rinunciare ad entrare “Mi sa che abbiamo sbagliato sala”, aveva detto il
Professore al suo arrivo, osservando la folla in attesa sul marciapiede di via
Nazionale. Una massa di persone che ha parzialmente ostruito la strada,
costringendo il corteo del premier Silvio Berlusconi, diretto al Quirinale, a
rallentare proprio davanti al teatro ipscan 다운로드.

Il programma. “Oggi presentiamo un grande progetto per il governo
dell’Italia, ‘Per il bene dell’Italia’, come abbiamo voluto intitolarlo. Ed è un
impegno vincolante per tutti noi. L’impegno di governare assieme per 5 anni”, ha
detto Prodi aprendo il suo discorso alla convention.

Un solo candidato. “A differenza della destra, noi ci presentiamo alle
elezioni del 9 aprile con un candidato alla guida del governo che i partiti
dell’alleanza e 4 milioni e 300 mila elettori hanno concordemente designato 멜론 7월 2주차 top100 다운로드. Un
candidato, non tre”. “A differenza della destra – ha continuato Prodi – noi ci
presentiamo alle elezioni con un programma di governo che oggi sottoscriviamo e
a cui ci riteniamo vincolati. L’elettore che vota per le liste della destra non
sa, in caso di vittoria, chi avrà il compito di guidare il governo”.

La guerra in Iraq. “Consideriamo la guerra in Iraq e l’occupazione un grave
errore. Essa non ha risolto, anzi ha complicato il problema della sicurezza” KakaoTalk pc Mac. Ha
sottolineato Prodi spiegando che “se vinceremo le elezioni, immediatamente
proporremo al Parlamento il conseguente ritiro dei nostri soldati nei tempi
tecnici necessari, definendone, anche in consultazione con le autorità irachene,
le modalità affinchè le condizioni di sicurezza siano garantite”.

Berlusconi disturbato dal rosso Ferrari. “C’è oggi chi, non possedendo
altri argomenti per mancanza di risultati, cerca disperatamente di dipingere
un’Italia divisa dall’ideologia. C’è chi si diletta nell’esercitare una
strategia di comunicazione molto sofisticata: un secchio di sterco la mattina e
uno la sera addosso agli avversari e a dipingere tutta l’Italia di rosso flash-mode videos. Ormai
lo disturba anche vedere passare una Ferrari”.

Ridurre tasse sul lavoro. “Come primo provvedimento noi intendiamo ridurre
sensibilmente l’eccessivo carico contributivo sul lavoro dipendente, in una
misura che ho già avuto l’occasione di quantificare in cinque punti nel primo
anno di legislatura”. Romano Prodi è tornato così ad assicurare che il governo
del centrosinistra abbasserà di cinque punti il cuneo fiscale.

Cambiare la legge Moratti. “E’ chiaro che la riforma della scuola, attuata
nella legislatura che si chiude, in alcuni dei suoi aspetti andrà radicalmente
cambiata” 오징어 외계인 다운로드. Il leader del centrosinistra ha assicurato che il suo governo punterà
fortissimo su scuola e formazione.

Istituzioni come merce di scambio. Con la modifica della legge elettorale e
della seconda parte della Carta, la Cdl ha usato “la Costituzione e le
istituzioni come merce di scambio per tenere insieme una coalizione politica
ormai priva di ogni collante ideale e progetto politico”.

Un governo per tutti. “Gli elettori sanno che il nostro governo starà
sempre dalla parte dei cittadini 에듀윌 무료 다운로드. Non sarà un governo per pochi, ma per tutti.
Non farà gli interessi di pochi, e tanto meno di uno solo, ma gli interessi di
tutti. Questa è la prima enorme differenza tra noi e la destra”.

Lotta all’evasione fiscale. “Lanceremo una lotta feroce all’ evasione
fiscale, che in Italia, sotto l’occhio indifferente del Governo della destra, ha
raggiunto livelli che non si riscontrano in nessun paese civile”.

Raddoppiare gli asili. “Ci proponiamo l’obiettivo di raddoppiare nell’arco
della prossima legislatura il numero degli asili nido e istituiremo un fondo di
garanzia per i mutui alle giovani coppie” 마피아 2 다운로드.

Unioni di fatto. “Sulla famiglia, il governo della destra ha fatto molta
retorica, ha speso molte parole e mena scandalo per il nostro proposito di
regolamentare in maniera civile le unioni di fatto, ma il vero scandalo è
l’assenza di una politica efficace e ad ampio raggio di sostegno alla famiglia,
così come è definita dalla nostra Costituzione”.

Investire sulla famiglia. “Noi, il governo di centrosinistra, investiamo
sulla famiglia, investiamo sul suo futuro: perché investiamo sul futuro dell’
Italia”, ha detto Prodi sottolineando che c’è la volontà di “agire su due
livelli: dare maggiore potere d’acquisto ai nuclei familiari e servizi liberati
dal peso e dalle incrostazioni dei monopoli e quindi meno cari”.

Reddito ai bambini. Il Professore ha parlato della volontà di intervenire
“per un fisco amico delle famiglie” Download the book right away. Quindi “riconoscendo il valore sociale
della maternità e della paternità, dotando ogni bambino di un reddito che aiuti
la famiglia, fino al raggiungimento della maggiore età e tenga presente le
esigenze delle famiglie numerose”.

Le donne. Prodi ha sottolineato che ci saranno interventi anche in favore
delle donne “per le quali esercitare il diritto alla maternità significa in
molti casi rinunciare a quello del lavoro. Non stupisce – ragiona Prodi – che il
tasso di fertilità nel nostro paese sia il più basso d’Europa e che la
denatalità sia divenuta un fenomeno allarmante, con il risultato che siamo anche
il paese più vecchio” linux gcc 다운로드.

La casa. Quindi, sostegno alle famiglie anche per quanto riguarda la casa:
“Vogliamo rendere più trasparente – spiega – il mercato delle locazioni,
utilizzando la leva fiscale per scoraggiare il ‘nero’ e per ridurre il carico
fiscale sugli affitti e aiutare le giovani coppie ad acquistare la casa
istituendo un fondo di garanzia pubblico per la concessione di mutui da parte
del sistema bancario”.

La passeggiata. Dopo aver terminato la presentazione del programma Romano
Prodi è tornato negli uffici di piazza Santi Apostoli a piedi. Accompagnato da
una folla di gente che lo applaudiva il professore si è incamminato per via
Nazionale tra gli applausi, qualcuno gli grida: “Professore andiamo direttamente
a Palazzo Chigi” Download the default resume. E ai cronisti che che gli chiedono se ha sentito una battuta
gridata da un militante dell’Unione dalla platea del teatro Eliseo: “Manda
Berlusconi-Napolenone a Sant’Elena”, il Professore spiega: “Onestamente non l’ho
sentita. Ma prima di Sant’Elena c’è Waterloo”.