2222
11 Giugno 2006

Roma e Madrid. L’allergia italiana a Zapatero

Fonte: La Stampa


SE c’è un nome che in Italia quasi non puoi pronunciare, senza sentirti come appesantito da ridicolo cappotto, è il nome di Luis Rodríguez Zapatero.

È una sorta di allergia radicale, accanita, che in nessun paese europeo ha l’accaldata intensità italiana e su cui vale dunque la pena meditare. Zapaterista è diventato epiteto insultante, che macchia il destinatario indelebilmente.

Zapaterismo è sinonimo di stile politico ignobile: più ignobile ancora d’una dottrina, un’ortodossia. Nel pantheon dei personaggi negativi, il premier spagnolo figura accanto a tipi poco raccomandabili che non gli somigliano punto: Che Guevara, Castro Download Age of Empires 3. Deriva zapaterista è stereotipo che potrebbe benissimo comparire nel Dizionario dei Luoghi Comuni di Flaubert: evoca gli impaurenti cosacchi a San Pietro, ha osservato con appropriata ironia Mario Pirani (Repubblica, 13-3-06).

Più che un’allergia è una passione, quella che s’abbatte sul successore di Aznar. Per questo urge indagarne l’interna molla, l’irrazionalità, la genealogia: non solo per capire meglio la Spagna, ma per capire un po’ meglio noi stessi e la nostra idea della democrazia minacciata.


Tre eventi hanno indisposto un gran numero di politici e intellettuali italiani, dando corpo allo stereotipo che ci impacchetta e ci incarta: la vittoria elettorale del leader spagnolo, successiva all’attentato dell’11 marzo 2004; la decisione – subito dopo – di ritirare le truppe dall’Iraq; la determinazione con cui Madrid resiste a clero e Vaticano in materia di diritti civili.

Zapatero è divenuto simbolo del cedimento al terrorismo, del Tutti a Casa in politica estera, dell’anticlericalismo dogmatico. Ma c’è qualcosa di più che muove a sdegno, e che lo trasforma in fiamma Download Banya Shimyeong Young Insin.

Zapatero irrompe nella discussione sul futuro della sinistra scompigliando discorsi e modelli cui pigramente ci siamo abituati. D’un tratto non è più Blair a rappresentare il socialismo nuovo, non ideologico.

Tutti parlano di lui, anche Ségolène Royal a Parigi, ma nel frattempo c’è un altro riformismo possibile, che non consiste semplicemente nell’adottare, su questioni ritenute centrali dell’economia, politiche di destra.

Zapatero indica quest’altra via – una via molto europeista d’altronde – cominciando col dire che la discriminante centrale non è l’economia ma la reinvenzione della politica e della democrazia.

Un libro uscito nel 2006 da Feltrinelli spiega bene quest’alternativa: Zapatero – Il Socialismo dei Cittadini (curato da Marco Calamai e Aldo Garzia) è documento prezioso ppt 글씨체 다운로드.


Il nuovo consiste nell’estendere i diritti e le libertà di individui o minoranze, accettando l’enorme varietà delle preferenze esistenziali in società rese insicure da disoccupazione, immigrazione, terrorismo.

I soldi mancano per politiche sociali magnanime, agire sull’economia è divenuto tremendamente complicato a causa di vincoli e incompatibilità: meglio allora concentrarsi sulle riforme «a costo zero» – riforme civili più che economiche, dice Antonio Gutiérrez che oggi dirige la Commissione economica del Congresso dei deputati – che danno al cittadino la sensazione di essere ascoltato, rispettato anche quando la vita si fa per lui difficile. Zapatero ha fatto molto in questo campo: ha esteso i Pacs accettati da Aznar rendendo legali i matrimoni tra omosessuali, ha sveltito la legge sul divorzio, ha legalizzato 800 mila immigrati clandestini trasformandoli in cittadini con diritti e doveri fiscali, ha introdotto una legge sulla violenza contro le donne.

A queste ha aperto uno spazio senza eguali in Occidente (il 50 per cento delle cariche governative). Ha anche fatto riforme che costano, come gli asili nidi e gli aiuti alle persone non autosufficienti per età o malattia (il cosiddetto quarto pilastro dello Stato sociale, essenziale in società che invecchiano, affiancato a educazione, salute, pensioni) ffmpeg 유튜브 다운로드.

Può darsi che le riforme siano state troppo frettolose: «Non si fa tempo a rispondere al contrattacco della destra e della Chiesa, che il governo già ha aperto un nuovo fronte riformatore», obietta Gutiérrez, che però sostiene Zapatero perché le sue sono pur sempre riforme volute da vaste maggioranze di spagnoli.


Precisamente questa novità indispettisce tanti politici e intellettuali italiani, anche a sinistra. Indispettisce lo spazio dato alla società civile e ai diritti, a scapito non solo della centralità dell’economia ma dei poteri partitici (Prodi stesso fu guardato con diffidenza da apparatchik e benpensanti di sinistra quando propose le primarie, fino al momento in cui le vinse alla grande).

Indispettisce quella che per Zapatero è etica politica irrinunciabile: «Mantenere la parola data, fare quel che si dice e dire quel che si farà».

Indispettisce, più ancora forse del ritiro dall’Iraq e della strategia latino-americana, l’autonomia dalla Chiesa. Resistere al Papa e alle Conferenze episcopali è inconcepibile, oggi in Italia 네임드 다운로드.

Tutti in Italia hanno bisogno di ottenere l’imprimatur da una forza esterna, tutti si sentono in qualche modo minorenni e illegittimi – non solo i Ds – e la Chiesa diventa tutore che non si osa contestare.

Ogni riformista deve fare da noi concessioni sulla laicità: Zapatero problemi simili non ne ha.

È alle correnti conciliari che egli s’appoggia, a teologi come Enrique Miret Magdalena che nel laico argomentare somiglia al nostro Enzo Bianchi.

Solo che Miret Magdalena non è ingiuriato quando ricorda che lo Stato e l’Europa sono aconfessionali, e che fin dalla teologia cinquecentesca di Domingo De Soto o padre Molina «la legge civile è fatta per garantire la convivenza tra i cittadini, non per garantire la morale cattolica».

In Spagna è pietra di scandalo che il Papa parli di silenzio di Dio a Auschwitz, e appena nove giorni dopo lasci che lo stesso concetto («eclissi di Dio») sia applicato dal Vaticano a unioni di fatto o matrimoni omosessuali middle school textbook pdf. Non da noi.


Indispettisce infine il rapporto di Zapatero con il passato franchista. Il premier inaugura una politica della memoria che prima era assente, e questo accade nel preciso momento in cui in Italia la memoria accende risse, e la resistenza è ridimensionata.

Tutte queste mosse irritano perché scombinano tesi apparentemente dissacranti, ma che in fondo hanno generato nuovi allineamenti.

Molto è cambiato da noi ma il conformismo delle élite sembra immutato: è antico, tenace, Jean-François Revel lo denunciava già nel ’58, nel libro Pour l’Italie. Per conformismo più che per convinzione si plaude oggi al Papa, e a valori europei uniformi.

Per conformismo si dice che la sinistra è buona solo se fa politica di destra, e si scorge in Blair l’unico vero modello. Per conformismo si sostiene che l’etica in politica è qualcosa d’incongruo e risibile: gradito solo a girotondini, attori comici e zapateristi 꺼내먹어요 다운로드.

Qualche giorno fa, replicando a un articolo che sospettava Prodi di ritirarsi dall’Iraq senza coscienza morale, D’Alema ha detto parole che in Italia hanno la freschezza delle dichiarazioni inedite: «La coerenza fra gli impegni che si assumono con i cittadini e le cose che si fanno è a mio avviso un aspetto cruciale del rapporto fra etica e politica» (Corriere della Sera, 30-5-06).

È proprio questa l’etica di Zapatero, chiamata da noi deriva e a Madrid mantenimento della parola data.

Il conformismo italiano mescola cattolicesimo e economicismo marxista. Neppure s’accorge che le sinistre estreme sono oggi marginali in Spagna, grazie alla preminenza di diritti e laicità sulla classica questione sociale.


In realtà Zapatero innova rispetto a Blair, anche se fa proprie molte sue accortezze economiche. Ha meditato la crisi della democrazia, della politica, e la sua terza via non è quella che aderisce al liberismo e al conservatorismo Usa rinunciando all’identità di sinistra 아틀란 지도 다운로드. Come si evince nel libro di Calamai e Garzia, altri sono i riferimenti di Zapatero.

Fra questi spicca Philip Pettit, lo studioso che ha teorizzato il repubblicanesimo e il socialismo dei cittadini (i suoi libri son pubblicati da Feltrinelli e dall’Università Bocconi). Nella parola socialdemocratico – dice Zapatero – è il democratico che prevale. Pettit propone un’idea di libertà né liberista né socialista: un’idea più esigente della libertà negativa (libertà dall’interferenza); e meno comunitarista della libertà positiva, che persegue fini collettivi o statali in nome di tutti.


Per il repubblicanesimo può non sussistere interferenza ma può esserci dominio, ed è questo dominio – la paura è una delle sue armi – che occorre controbilanciare con leggi che prevengano sul nascere interferenze sia reali sia potenziali, spingendo gli individui a partecipare alla politica e a contare sullo Stato.

Fondamentale, in Pettit, è la vigilanza dei cittadini: «l’eterna vigilanza» nei confronti delle autorità, delle istituzioni, delle degenerazioni tiranniche 크롬 64bit 다운로드.

Per questo è indispensabile il pluralismo dell’informazione e il rifiuto dei monopoli televisivi, in Pettit come in Zapatero.

In una delle prime mosse, quest’ultimo ha restituito al servizio pubblico piena autonomia dal potere politico (un po’ come chiesto dall’Usigrai, sindacato dei giornalisti Rai, in una lettera a Prodi del 5 giugno).


Un’altra cosa dice Zapatero, che spiega i pregiudizi italiani nei suoi confronti: «Le persone che meglio sanno esercitare il potere sono quelle che non lo amano».

Chi lo ama troppo non ritiene che il mondo vada cambiato per il meglio, usando come alibi i passati errori del socialismo: ciò di cui ha orrore è il rischio, e chi rischia mette sempre in gioco il proprio potere.


Si dice che in un’economia dissestata la sinistra ha pochi margini, per forza. Che il terrorismo restringe diritti e libertà, per forza latest trot for 2018. Che non esiste quindi vero scontro destra-sinistra.

Zapatero con tutte le sue precipitazioni dimostra che non è vero, che niente avviene fatalmente, che la politica è l’arte di creare isole di libertà nel mare della necessità.

Isole che permettono ai Giusti di Borges – autore che Zapatero cita spesso, di cui si dichiara «estimatore fino all’ossessione» – di esistere: l’uomo giusto è «chi preferisce che abbiano ragione gli altri», i Giusti «che si ignorano stanno salvando il mondo».

Il conformismo che affligge l’Italia politica ha come fine la conservazione del potere, più che l’emergere del giusto. Anche accettare un mondo interamente dominato dalla necessità è conformismo. Un conformismo meno diffuso nella società, che i rischi li teme ma non li respinge.


Per questo Zapatero è figura significante. Lui stesso racconta come adottò l’etica della parola data.

Fu quando, il giorno della vittoria, sentì gli spagnoli gridare: No nos falles!- Non ci deludere! Lì capì – dice – che «il potere è nelle mani di chi il potere non ce l’ha».

Che chi governa deve sempre dire: «Il potere non mi cambierà». Che per far rinascere la politica, la partecipazione dei cittadini, la loro responsabilità, occorre estendere diritti e democrazia.

Non a dispetto del terrorismo e dell’economia, ma proprio perché viviamo tempi di terrorismo e di difficoltà economica.