2222
28 Aprile 2001

Ora Parisi sfoglia la Margherita

Autore: Luciano Nigro
Fonte: la Repubblica - Bologna

«IL PARTITO di Rutelli? Eccolo, siamo noi», dice il segretario dei popolari Pierluigi Castagnetti. «La nostra è l’unica forza politica che invita gli elettori a scrivere tre volte per il candidato premier del centrosinistra – aggiunge il presidente dei Democratici Arturo Parisi – : l’Ulivo per Rutelli alla Camera e al Senato prison game. E la Margherita per Rutelli al proporzionale». E’ una bella giornata di primavera quella che ai giardini Margherita saluta la prima uscita pubblica di quella che Castagnetti chiama «l’area di centro dell’Ulivo, cattolica, laica e liberaldemocratica» Download BearCam Pro. Quanti voti prenderà?
«Sarà un risultato a due cifre», scommettono. «Denaro per i sondaggi non ne abbiamo sorride il segretario del Ppi . Siamo senza soldi, ma ci fidiamo del nostro naso che ci sta dicendo che le cose vanno bene pokemon coloring book. Datamedia ci attribuisce il 10.5%. Se si considera che per sua stessa ammissione Datamedia è diretta da un militante del Polo, vuol dire che siamo almeno al 15%» image url.
«Quale posto migliore di questo per parlare della Margherita dei giardini che portano il suo nome, in un bel giorno di primavera? aggiunge Parisi Free Yeonpyeong Naval Battle. Ci siamo riconosciuti in un fiore per evocare la nostra determinazione a guardare al futuro, a identificarci in una prospettiva. La Margherita è il fatto più nuovo della politica italiana» avira. E’ un bel giorno per Parisi, questo: in mattinata la presentazione della nuova formazione politica che mettendo insieme quattro forze politiche, ha permesso di «semplificare il quadro e di superare la frammentarietà nel centrosinistra», nel pomeriggio per lui ci sarà l’abbraccio a Romano Prodi e Paolo Onofri con i quali cinque anni fa partì alla conquista di palazzo Chigi subtitle workshop 다운로드. In serata la cena in via Murri in quella stessa sezione ds dalla quale Prodi aveva iniziato la battaglia elettorale nel collegio 12, quello che gli passò quando andò ad occupare il prestigioso incarico di presidente della Commissione Ue 유로파 유니버셜리스4 1.25 다운로드.
Con Parisi e Castagnetti, a presentare il simbolo davanti al laghetto e agli alberi dei giardini Margherita, ci sono i due coordinatori regionali dei democratici e del Ppi, Albertina Soliani, che è candidata al senato nel collegio 12, e Marco Barbieri 프리즌 아키텍트 다운로드. Ci sono anche Andrea Papini un altro dei dieci candidati nei collegi uninominali in Emilia Romagna e i segretari provinciali di Rinnovamento Italiano e Udeur, Gianluigi Mazzoni e Stefano Alvergna 이퀄라이저2 다운로드. Quale obiettivo si propone la Margherita in Emilia? «Qui, come in Italia risponde il leader dell’Asinello noi lavoriamo per risultati a due cifre. A livello nazionale la Margherita è incaricata di presentare agli elettori la natura plurale della coalizione dell’Ulivo, naturale approdo di storie e culture diverse».
Ma Castagnetti puntualizza: «Io non ho difficoltà a definirmi di centro. Sono un democratico di centro e credo che troppi centro si sono assuefatti a un clima che ha messo in secondo piano i nostri valori». Per questo, sottolinea Castagnetti, sono molto duro con Berlusconi. Perché in questo paese non possiamo smarrire il senso dello Stato, della legalità, della giustizia. E del confronto. E infatti si mette subito a sparare sul mancato confronto in Tv tra i leader dei due schieramenti: «Anche ai suoi candidati ha ordinato di evitare confronti. Berlusconi è un leader a metà, rispetta solo chi vota per lui». E a proposito dell’inchiesta dell’Economist, Castagnetti aggiunge: «C’è da chiedersi, piuttosto, come mai in Italia molti giornali tacciono?».