2222
26 Ottobre 2004

En plein del centrosinistra alle suppletive vince 7-0. Conquistato il collegio di Bossi. A Napoli eletto D´Antoni

Autore: Barbara Jerkov
Fonte: la Repubblica

ROMA – Sette a zero, contro il quattro a tre del 2001. Il centrosinistra ha vinto le elezioni suppletive per la Camera dei deputati in tutti e sette i collegi in cui si è votato ieri e domenica, anche se il numero dei votanti, come sempre accade con turni elettorali straordinari, è stato decisamente basso, il 40,2%, rispetto all´80,7 delle scorse politiche Skyrim boss. «Le suppletive saranno un segnale per il governo», aveva dichiarato appena l´altro giorno Silvio Berlusconi, facendo personalmente campagna elettorale 리멤버 다운로드. «Ecco, adesso quel segnale è arrivato», commenta a caldo il leader dei Ds, Piero Fassino. «Ha vinto l´astensionismo», è invece la lettura dei vertici di Forza Italia, che insieme agli alleati negano «significato politico generale» al risultato windows 10 education 다운로드.
Sta di fatto che si è trattato di un en plein per il centrosinistra, che conferma i seggi espressi alle ultime elezioni in Toscana, Emilia e Puglia 천로역정 다운로드. Mentre la Casa delle libertà perde tre collegi che nel 2001 avevano eletto un deputato di centrodestra: Milano, Genova, Napoli.
Particolarmente significativa la sconfitta nel capoluogo lombardo on the superficial i love. Qui si votava infatti nel collegio di Umberto Bossi. Ma il candidato dell´Ulivo, l´ex presidente della Rai Roberto Zaccaria, ha battuto con un largo margine il medico del Senatur, Luciano Bresciani, candidato della Cdl Clear Gothic bold download. A Napoli-Ischia, invece, vittoria solo di misura per l´ex leader della Cisl, Sergio D´Antoni, candidato del centrosinistra. Nel capoluogo campano il centrodestra ha però scontato la concorrenza di una fortissima Alternativa sociale, la lista di Alessandra Mussolini (che nel 2001 era stata eletta in quello stesso collegio, con la Cdl), che conquista oltre il 9% 컴퓨터 바탕 화면 다운로드. Ma pure quella della Fiamma tricolore. E perfino la concorrenza del Nuovo Psi, che ha scelto di correre separato dal resto della coalizione. In tutto, oltre tredici punti in meno per il candidato della Cdl, per il quale appena venerdì scorso si era mobilitato lo stesso Berlusconi 플립보드 다운로드. Un serio problema, in prospettiva, se i leader del centrodestra non riescono a ricucire i rapporti al loro interno, recuperando in particolare l´estrema destra, prima delle politiche del 2006 워크래프트1 다운로드.
Nel collegio di Genova Nervi il centrosinistra non era mai riuscito a prevalere. Ieri invece, il sorpasso di Stefano Zara su Roberto Suriani. Per il resto, solo conferme 배민 폰트 다운로드. In Toscana, sia nel Mugello sia a Scandicci, l´Ulivo ha stravinto. Non torna quindi a Montecitorio l´ex parlamentare forzista Peppino Calderisi. Nettissima la vittoria anche in Emilia, nel collegio di Fidenza-Parma, dove nel 2001 era stato eletto l´ex ministro della Quercia Pierluigi Bersani. Pure a Gallipoli, il collegio di Massimo D´Alema, l´Ulivo ha vinto senza difficoltà, sfiorando il 60%.
Risultato inequivocabile, insomma. E i leader del centrosinistra si ritrovano a festeggiare il riuscito debutto della “Gad”, la Grande alleanza democratica messa in piedi da Romano Prodi. «E´ un “cappotto”, è una bellissima giornata con il popolo che dice al centrosinistra: tornate al governo», esulta così il leader della Margherita Francesco Rutelli. «Una vittoria costruita sull´unità ritrovata attorno a un progetto alternativo a quello del centrodestra», per Arturo Parisi. «Con la Gad e con la federazione, il centrosinistra ha dimostrato di avere una marcia in più», gli fa eco Enrico Boselli. «Un altro segno della crisi di consenso che investe la maggioranza di governo», sottolinea Fausto Bertinotti.
Nel centrodestra si tende a minimizzare. «Purtroppo questa è la dura legge delle suppletive, che hanno percentuali di affluenza molto basse», dice ad esempio Gianni Alemanno, «ma il risultato non ha valore politico». Il solo ad ammettere francamente la sconfitta è Marco Follini: «Non è un cataclisma», afferma, «ma le cose vanno chiamate con il loro nome, non servono giri di parole». Una sconfitta, appunto.