2222
8 Maggio 2001

Chiese, volantini, tour nei supermarket. Testa a testa sul filo d’una manciata di voti

Autore: Lorenzo Bianchi
Fonte: Il Resto del Carlino


BOLOGNA – Battaglia all’ultimo voto con giallo. Il caso è stato sollevato dai parrocchiani di Santa Maria Lacrimosa degli Alemanni kmsauto 2016 다운로드. All’uscita di un incontro nel teatro parrocchiale sulla sanità al quale hanno partecipato Sante Tura, Gianluigi Magri, candidato del Ccd al senato, ed Emilio Franzoni, di Democrazia Europea, è stato distribuito un volantino che denunciava la violazione della prassi consolidata in virtù della quale «da anni è vietato l’utilizzo di locali parrocchiali per iniziative politiche in periodi elettorali» Tiger Sounds.
La proibizione deriverebbe da una disposizione del Cardinale. Secondo gli autori del documento, una decina di giorni prima si «era presentata al parroco una persona a nome e per conto della Compagnia delle Opere (ndr.il braccio sociale di Cl) chiedendo la disponibilità del teatro per un confronto fra medici sulla sanità bolognese» Download the banza. Il parroco, sostengono gli estensori del volantino, aveva accettato «perché non erano stati fatti nomi di partecipanti, né tantomeno di partiti e di candidati alle elezioni» kim knight black box. Un avviso affisso alla bacheca parrocchiale ha svelato il mistero. Il parroco ha convocato gli organizzatori ed ha revocato la disponibilità della sala 아이폰 핫스팟 다운로드. La Compagnia delle Opere ha protestato. Il provicario del Cardinale monsignor Stagni «ha ritenuto di non negare l’uso del locale». «Un vulnus», commentano i promotori della protesta, «in realtà è stato un comizio a favore di due forze politiche» path of exile 다운로드.
La crisi dei partiti tradizionali ha riportato sugli scudi la rete delle parrocchie. Le roccaforti inviolabili non esistono più. Alberto Vannini, un consigliere comunale della lista civica guazzalochiana «Tua Bologna» impegnato nella campagna di Sante Tura, calcola che l’invio di ventimila lettere con materiale elettorale potrebbe spostare «fino a 400 voti» nella rossa Cirenaica 학사신공 다운로드.
Entrambi i candidati inseguono i «flussi» di cittadini battendo supermercati, giardini, parchi. Durante una visita a un banchetto dell’Ulivo vicino al Teatro comunale Arturo Parisi ha raccolto interrogativi assai poco ideologici sulla tassa Tobin e sulle lauree brevi today's Kira gun. «A Bologna nessuno mi ha mai chiesto favori», svela con malcelata ammirazione il presidente dei Democratici.